Erezione dopo 45

Com’è il sesso dopo i 50 anni? (per le donne e per gli uomini)

La paura di diventare impotente. Erezioni meno frequenti, a volta più difficili da ottenere.

erezione dopo 45

Ne parliamo con la dott. Pierpaolo Graziotti.

I nostri esperti hanno risposto a domande su Disfunzione erettile Il tuo messaggio Il testo è troppo corto. La tua domanda sarà pubblicata in modo anonimo. La domanda sarà rivolta a tutti gli specialisti presenti su questo sito, non a un dottore in particolare. Questo servizio non sostituisce le cure mediche professionali fornite durante una visita specialistica.

Vorrei raccontarvi la storia di un mio paziente, un bel signore verso la cinquantina, di aspetto sano e curato, dai modi cordiali, che ha prenotato una visita su indicazione del Medico di base. Questi ha già fatto eseguire i normali esami erezione dopo 45 laboratorio, senza erezione dopo 45 niente di preoccupante: ma il paziente è tormentato dal dubbio sulla propria virilità.

Ha paura di poter diventare impotente.

erezione dopo 45

È un uomo come tanti: ha figli, una famiglia tranquilla, un lavoro soddisfacente anche se impegnativo. Ma negli ultimi anni, progressivamente, si è accorto che qualcosa è cambiato.

erezione dopo 45

Mi bastava vedere una ragazza per strada, entrare in discoteca, guardare una rivista o anche solo immaginare una figura femminile intrigante per scatenare nel mio corpo una reazione immediata. Anche nei primi anni di matrimonio non erano necessari troppi preliminari: a un primo rapporto poteva seguire un secondo, abbastanza ravvicinato.

erezione dopo 45

Poi cosa è successo? Che cosa accade?

erezione dopo 45

Sono i preliminari erotici che rendono spesso possibile, per una donna, il raggiungimento del piacere. Più spazio ai preliminari, dunque. E poi?

RISPOSTE DELL'ESPERTO

Nella nostra cultura parlarsi apertamente non è facile. Spesso le coppie eterosessuali sono frenate ancora da retaggi antichi, da oscuri sensi di colpa.

Cominciamo intanto a considerare il particolare rapporto privilegiato che il maschio ha col proprio pene. Come considerarlo? Come gestirlo, che cosa opporgli? Nella prima fase, dominata dal sistema nervoso simpatico, le fibre dei corpi cavernosi devono rilasciarsi, per permettere il maggior afflusso sanguigno.

Inoltre molte persone, oggi, si ritrovano single, non più giovani, senza un partner abituale. Il paziente di cui vi ho raccontato la storia ha accettato di fare alcune sedute con la moglie, si è rassicurato e ha scoperto tante sfaccettature della sessualità della partner che prima non conosceva. Ho letto e acconsento all' informativa sulla privacy Leave this field empty if you're human: Articoli a cura di.

erezione dopo 45

Potresti essere interessato